S.I.A - Sostegno all'Inclusione Attiva

Chi può accedervi

  • Tutte le famiglie con figli minorenni o con figli disabili e donne in stato di gravidanza accertata, da almeno 5 mesi (certificata da struttura pubblica), che abbiano un ISEE inferiore ai 3000 euro (in corso di validità).
  • È necessario che nessun componente del nucleo familiare sia già beneficiario della NASPI, dell’ASDI, o di altri strumenti di sostegno al reddito dei disoccupati;
  • Nel caso di presenza del nucleo di persona non autosufficiente, il valore complessivo dei trattamenti economici (anche fiscalmente esenti) di natura previdenziale, indennitaria e assistenziale, a qualunque titolo concessi dallo stato o da altre Amministrazioni, non deve essere superiore a 900 euro mensili.
  • Il richiedente, non deve inoltre aver acquistato un automobile di cilindrata superiore a 1300 cc o un motoveicolo di cilindrata superiore a 250cc immatricolati negli ultimi 36 mesi (eccezione fatta per i veicoli per cui è prevista una agevolazione fiscale in favore delle persone con disabilità).

Il progetto

Il sussidio, è legato all’adesione ad un progetto personalizzato di attivazione sociale e lavorativa, che coinvolge tutti i componenti del nucleo familiare e prevede specifici impegni per adulti e bambini, individuato grazie alla valutazione da parte del Servizio Sociale competente di problematiche e bisogni. Obbiettivo ultimo del progetto è aiutare il nucleo familiare al superamento della condizione di povertà e alla riconquista graduale della propria autonomia.

Dove rivolgersi

Per richiedere la carta SIA, rivolgiti allo sportello sociale del tuo Comune, portando con te un ISEE in corso di validità. Se non hai un ISEE, richiedilo al tuo CAF ovvero presso gli uffici INPS.